Associazione Istruzione Unita Scuola





Via Olona n.19-20123 Milano iNFO 3466872531





giovedì 2 febbraio 2012

Iscrizioni alle scuole dell'infanzia: i nuovi criteri

Vicesindaco Guida “Genitori liberi di scegliere gli istituti e nessun bambino discriminato
ECCO IL COMUNICATO DI PALAZZO MARINO
Massima libertà di scelta ai genitori, accoglienza per tutti i bambini che vivono a Milano, tempi ridotti per la formazione delle graduatorie. Sono queste le principali novità che l’assessorato all’Educazione e istruzione ha stabilito per le iscrizioni 2012-2013 alle scuole dell’infanzia. Le nuove disposizioni, pubblicate oggi sul sito web del Comune di Milano, prevedono che i genitori possano indicare quattro istituti dove iscrivere i propri figli a prescindere da dove abita la famiglia. Le vecchie procedure stabilivano che due scuole su quattro erano attribuite dalla Direzione dei Servizi all’infanzia sulla base della vicinanza all’abitazione. “Abbiamo lasciato massima libertà di scelta – ha spiegato la vicesindaco e assessore all’Educazione Maria Grazia Guida – per venire incontro alle esigenze delle famiglie. Poter indicare una scuola, magari vicina ai posti di lavoro dei genitori oppure alle abitazioni dei nonni, pensiamo sia un’opportunità che aiuti gli spostamenti e la conciliazione dei tempi casa-scuola-lavoro”. L’altra importante novità riguarda l’apertura incondizionata alle iscrizioni per i bambini che, si legge nella circolare, “sono presenti abitualmente nel Comune di Milano e privi di una residenza anagrafica”.“E’ nostra intenzione – ha precisato la vicesindaco – non penalizzare i figli di cittadini col permesso di soggiorno scaduto o non in regola. La vecchia Amministrazione accoglieva con riserva l’iscrizione di questa tipologia di bambini e, perciò, era stata condannata in quanto il provvedimento era stato ritenuto discriminatorio. Noi abbiamo aperto a tutti perché anche la nostra Costituzione, con l’articolo 31, ci richiama alla tutela dell’infanzia e, con l’articolo 34, alla garanzia del diritto allo studio per tutti”.Cambiamenti anche per quanto riguarda i tempi di formazione delle graduatorie. E’ stata eliminata la distinzione tra quelle provvisorie e quelle definitive per arrivare a stilare, entro la fine di maggio, un’unica graduatoria definitiva. “In questo modo – ha aggiunto Maria Grazia Guida – diamo la possibilità alle famiglie di conoscere in tempi certi, e anticipati rispetto al passato, l’istituto dove saranno sistemati i loro figli. In passato, qualcuno ha dovuto aspettare anche il mese di settembre”.Infine, altre novità introdotte nei criteri per l’aggiudicazione dei punteggi e la conseguente formazione delle graduatorie riguardano un’attenzione particolare ai bambini affidati o in tutela al Comune e il riconoscimento della figura dei genitori studenti o ricercatori che, finora, non veniva contemplata.

Nessun commento:

Posta un commento