Associazione Istruzione Unita Scuola





Via Olona n.19-20123 Milano iNFO 3466872531





martedì 14 febbraio 2012

Comune di Milano:Necessario assumere il personale educativo dei servizi all’infanzia

Domani il vicesindaco Guida incontrerà il Ministro profumo per chiedere la deroga al Patto di stabilità
Una Ecco il Comunicato di Palazzo Marino

Una deroga al Patto di stabilità per assumere il personale educativo dei servizi all’infanzia. È quanto chiederà la vicesindaco e assessore all’Educazione e Istruzione Maria Grazia Guida al Ministro dell’Istruzione Francesco Profumo, nell’incontro che si terrà domani a Roma presso la sede del ministero.
Tre le proposte che saranno avanzate della vicesindaco Guida
  • prorogare oltre il 31 dicembre 2012 le norme per le assunzioni a tempo determinato di personale educativo e scolastico non tenendo conto dei limiti di spesa attualmente vigenti (50% della spesa 2009);
  • prevedere il turn over pieno nei servizi educativi e scolastici (da considerarsi servizi essenziali) e non solo fino al 20% delle cessazioni dell’anno precedente;
  • prevedere procedure di stabilizzazione del personale educativo e scolastico al fine di garantire la continuità dei servizi.Le scuole dell’infanzia comunali sono 174 e accolgono 21.835 bambini.

Per quanto riguarda i nidi l’offerta formativa del Comune è composta da 100 nidi comunali a gestione diretta (con 5.682 bambini), 46 nidi/micronidi comunali accreditati (con 1.701 bambini), 155 nidi privati accreditati (con 2.108 bambini), 38 sezioni “Primavera” (con 723 bambini), 3 centri prima infanzia (con 180 bambini), 10 Tempo per le famiglie (con 738 bambini), 2 ludoteche (con 629 bambini). La spesa sostenuta dall’Amministrazione comunale per la gestione di questi servizi si attesta intorno ai 150 milioni di euro a fronte di entrate per finanziamenti statali e regionali di 16,9 milioni di euro e, per rette, di 17,5 milioni.La criticità maggiore per il Comune di Milano è rappresentata dal personale. Per l’anno scolastico 2012-13 il fabbisogno è di 342 unità, suddiviso per 291 educatrici di scuole dell’infanzia, 36 educatrici di nido e 15 funzionarie dei servizi all’infanzia. L’organico complessivo nel 2012-13 dovrebbe essere di 3.234 persone, mentre i presenti risultano 2.892.“La spesa maggiore – ha spiegato la vicesindaco Guida – è quella relativa al personale. Le nuove risorse e la deroga al Patto di stabilità si rendono necessarie per consentire il rispetto dei modelli pedagogici e il rapporto numerico previsto dalla legge. Anche perché, mentre il rispetto del Patto è derogato per il comparto scolastico statale, non lo è per quello comunale”.

Nessun commento:

Posta un commento