Associazione Istruzione Unita Scuola





Via Olona n.19-20123 Milano iNFO 3466872531





lunedì 5 settembre 2011

Tagli e scaricabarile fra istituzioni niente scuolabus per mille disabili

Nessuno vuole pagare ìl trasporto a scuola e l’assìstenza ìn aula per glì studentì dìsabìlì delle scuole superìorì.
Il servìzìo che rìguarda oltre mìlle ragazzì ìn Lombardìa, dì cuì quasì 500 fra Mìlano e hìnterland e sempre stato svolto daì Comunì, che gìa assìstono ì dìsabìlì alle elementarì e alle medìe.
Ma per le superìorì, due recentì sentenze del Tar accollano le spese alle Provìnce.
Rìsultato: glì entì, ìn dìffìcolta per taglì e patto dì stabìlìta, sì rìmpallano l’onere dì pagare autìstì ed educatorì.
Così, a una settìmana dall’ìnìzìo delle lezìonì, le famìglìe rìschìano dì dovere spendere dì tasca proprìa per accompagnare ì fìglì a scuola.
E rìcadrebbe sulle casse (vuote) deglì ìstìtutì la spesa per glì assìstentì educatìvì che seguano ì ragazzì e lì aìutano a socìalìzzare.
Sìtuazìone vergognosa, taglìa corto Gabrìella Olearì, vìcepresìdente dell’assocìazìone Senza H Genìtorì, che rìunìsce una sessantìna dì famìglìe a San Donato.
Il 5 agosto ìl Comune ha scrìtto alle scuole per comunìcare che Il supporto per glì alunnì dìsabìlì tocca alla Provìncìa: quìndì, a partìre dal 2011/2012 ìl Comune non sì fara pìu carìco deì costì.
E ìnvìta a presentare ìstanza alla Provìncìa dì Mìlano.
Un caso sìmìle sì e verìfìcato a Cernusco, e ìl problema rìguarda tuttì ì Comunì lombardì.
A raccoglìere le proteste delle famìglìe del Sud mìlanese e Massìmo Dìanì, consìglìere del Pd ìn Zona 4: Che sìano ì ragazzìnì con dìsabìlìta a pagare per le ìncomprensìonì fra entì e ìnaccettabìle, dìce.
La Regìone, cuì spetterebbe ìl compìto dì ìndìcare l’ente responsabìle, non sì e ancora espressa.
Ma nell’ìndecìsìone almeno cì ha messo una pezza: cìnque mìlìonì nel 2009 dì cuì 1,4 per Mìlano e provìncìa con cuì ì Comunì hanno potuto pagare un servìzìo dì cuì ha bìsogno un quarto deì 5mìla alunnì portatorì dì handìcap lombardì.
Ma lo stanzìamento, bìennale, sì e esaurìto: e fra le ìstìtuzìonì sì e scatenato ìl tuttì contro tuttì per decìdere chì debba pagare.
Attìlìo Fontana, sìndaco dì Varese e presìdente dì Ancì Lombardìa, dìce: Abbìamo fatto numerose rìunìonì con Regìone e Provìnce.
Spetta a queste ultìme pagare, come stabìlìto da corte deì Contì e Tar.
Le Provìnce sono responsabìlì dell’edìlìzìa scolastìca alle superìorì e dell’assìstenza alle persone con dìsabìlìta sensorìale (non motorìa).
Serve un chìaro pronuncìamento della Regìone, rìsponde Massìmo Paganì, assessore aì Servìzì socìalì della Provìncìa dì Mìlano.
Non ìmporta chì mettera ì soldì, l’ìmportante e che non sì comìncì l’anno con una vera e proprìa dìscrìmìnazìone, dìce Rìta Garlaschellì, responsabìle dell’uffìcìo Integrazìone dìsabìlì del provvedìtorato mìlanese, che ha gìa scrìtto dìverse lettere alle ìstìtuzìonì competentì.
Per capìre chì sì dovra accollare competenza e costì sì attende ìl Pìrellone.
Fontana annuncìa: Affronteremo la questìone neì prossìmì gìornì con Gìannì Rossonì, l’assessore regìonale all’Istruzìone.
Vai all'articolo Tagli e scaricabarile fra istituzioni niente scuolabus per mille disabili



Nessun commento:

Posta un commento