Associazione Istruzione Unita Scuola





Via Olona n.19-20123 Milano iNFO 3466872531





mercoledì 26 gennaio 2011

Memoriale della Shoah, Boscagli: utile coinvolgere anche i cittadini

Un anno fa la prima pietra, oggi, per proseguire i lavori del Memoriale della Shoah di Milano, servono risorse: 4 milioni di euro oltre ai 2 già raccolti.

E' l'appello lanciato oggi dalla Fondazione Memoriale della Shoah e, in particolare, dal presidente Ferruccio De Bortoli e dal vice presidente Roberto Jarach, che hanno sottolineato come, una volta completato il progetto, Milano avrà uno spazio unico in Europa, un luogo simbolo anche di un ritrovato dialogo interreligioso. All'incontro è intervenuto l'assessore regionale alla Famiglia, Conciliazione, Integrazione e Solidarietà sociale Giulio Boscagli, su delega del presidente Roberto Formigoni.

"E' un appello condiviso da Regione Lombardia - ha detto Boscagli - e intendiamo mantenere viva l'attenzione sulle iniziative volte a far conoscere ciò che rappresenta il Binario 21. Ritengo utile coinvolgere, oltre alle istituzioni, anche e soprattutto il tessuto sociale, il mondo delle associazioni, i cittadini, i privati, in modo che i lavori del Memoriale possano essere completati come testimonianza di un riscatto. Facciamo un passo avanti tutti insieme".

Regione Lombardia ha già destinato un milione di euro a questa iniziativa, che si avvale anche dei contributi di Comune e Provincia di Milano.

"Pur in un momento di forti tagli ai bilanci previsti dalla legge finanziaria - ha proseguito Boscagli - Regione Lombardia assicura il proprio sostegno, perché crede nel significato del Memoriale, indispensabile per far vivere la memoria nella coscienza e nella vita di ciascuno di noi. Il Memoriale è il luogo della pace e dell'incontro delle religioni".

Il Memoriale della Shoah di Milano sorge in un'area della Stazione Centrale situata al di sotto dei binari ferroviari utilizzati dai treni per il trasporto pubblico.

L'accesso è da via Ferrante Aporti. Tra il 1943 e il 1945 proprio dal Binario 21 centinaia di deportati furono caricati su vagoni merci sollevati tramite un elevatore e trasportati al piano dei binari. Da qui partivano i convogli diretti ai campi di concentramento e sterminio (Auschwitz-Birkenau, Bergen Belsen) o ai campi italiani di raccolta.

L'area del Memoriale occupa uno spazio di 7.000 mq articolati in due aree: una destinata al Memoriale, l'altra al Laboratorio della Memoria, che ospiterà la biblioteca, in cui potranno trovare spazio 45.000 volumi. Previsto anche un Auditorium.
(Lombardia Notizie/Ln-Milano)

lunedì 10 gennaio 2011

COLLOCAMENTO DISABILI. SANZIONI RINCARATE DI QUASI IL 10%

«Il Servizio Occupazione Disabili mette inoltre a disposizione dei datori di lavoro pubblici e privati i seguenti servizi a partire dal 10 gennaio 2011
leggi tutto »

«News per il collocamento obbligatorio. Sanzioni rincarate di quasi il 10%, ma i tempi di trasmissione del prospetto informativo sono più brevi del previsto: l’invio sarà possibile solo per via telematica dal 15 gennaio .Il nuovo modello scaricabile dal sito del ministero del Lavoro. La scadenza resta fissata al 31 gennaio »

«Sanzioni amministrative in materia di collocamento obbligatorio-Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il Decreto Ministeriale del 15 dicembre 2010 »

Ecco il Decreto Ministeriale del 15 dicembre 2010 concernente l’adeguamento dell’importo delle sanzioni amministrative in materia di collocamento obbligatorio di cui all’art. 15 della Legge 12 marzo 1999, n. 68 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 1 del 3 gennaio 2011:

[MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 15 dicembre 2010
Adeguamento dell'importo delle sanzioni amministrative di cui all'articolo 15 della legge 12 marzo 1999, n. 68.
IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI
Visto
il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, recante «Norme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche» e successive modifiche ed integrazioni;
Vista la legge 12 marzo 1999, n. 68, recante «Norme per il diritto al lavoro dei disabili», che all'art. 15, comma 5, dispone che gli importi delle sanzioni amministrative in materia di collocamento obbligatorio di cui ai commi 1 e 4 del medesimo articolo siano adeguati ogni cinque anni con decreto del Ministro del lavoro e della previdenza sociale;
Visto il decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali del 12 dicembre 2005 adottato ai sensi dell'15, comma 5, della legge 12 marzo 1999, n. 68, ed in particolare
l'art. 1, comma 1 dello stesso, che ha previsto l'aumento 2 d) dell'importo delle sanzioni amministrative di cui all'art. 15, comma 1, della citata legge n. 68/1999 «rispettivamente sino ad euro 578,43 e ad euro 28,02» nonche' il comma 2 del medesimo decreto che ha aumentato la sanzione amministrativa di cui all'art. 15, comma 4 della legge n. 68/1999, «sino ad euro 57,17»;
Ritenuto, in assenza di criteri indicati da espressa disposizione di legge relativamente all'adeguamento delle sanzioni amministrative di cui all'art. 15, commi 1 e 4, della legge 12 marzo 1999, n. 68, di dover provvedere all'adeguamento delle stesse, adottando il medesimo criterio della variazione percentuale degli indici dei prezzi al consumo per famiglie di operai ed impiegati verificatesi nel periodo di riferimento ed accertato dall'Istituto Nazionale di Statistica, gia' adottato dal precedente decreto ministeriale;
Considerato che l'Istituto Nazionale di Statistica con nota del 26 novembre 2010 ha comunicato che la variazione dell'indice dei prezzi al consumo per famiglie di operai ed impiegati, nel periodo di riferimento gennaio 2005-gennaio 2010, e' stata pari a + 9,8%;
Decreta:
Art. 1
1
. Gli importi delle sanzioni amministrative di cui all'art. 15, comma 1, della legge 12 marzo 1999, n. 68, gia' adeguati con decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali del
12 dicembre 2005 sono, per effetto dell'applicazione della variazione percentuale di cui alle premesse, elevati da «euro 578,43» ad «euro 635,11» e da «euro 28,02» ad «euro 30,76».
2. L'importo della sanzione amministrativa di cui all'art. 15, comma 4, della legge 12 marzo 1999, n. 68 gia' adeguati con decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali del 12
dicembre 2005 sono, per effetto dell'applicazione della variazione percentuale di cui alle premesse elevati da «euro 57,17» ad «euro 62,77».
Roma, 15 dicembre 2010
Il Ministro: Sacconi ]
Leggi • Decreto Ministeriale del 15 dicembre 2010 (formato .pdf 9 Kb)