Associazione Istruzione Unita Scuola





Via Olona n.19-20123 Milano iNFO 3466872531





lunedì 31 maggio 2010

Rottami l'auto? 3000 Euro per pagare treno o tram


Tremila euro da spendere in servizi di mobilità sostenibile (mezzi pubblici, treni, car sharing, taxi, ecc) e un voucher di 200 euro per l'acquisto di una bicicletta.
Sono questi i contributi che verranno messi a disposizione dei cittadini milanesi (con determinati requisiti familiari e di reddito) che rottameranno la vecchia auto inquinante e che si impegneranno per tre anni a non acquistarne una nuova. A partire da lunedì 31 maggio apre ufficialmente il bando "Mobility card", con cui Regione Lombardia mette a disposizione un primo stanziamento di 3.200.000 euro per utilizzare servizi di mobilità alternativa. La "Mobility card" è riservata in via sperimentale ai residenti a Milano. "Si tratta di una iniziativa - ha detto il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, in una conferenza stampa tenuta con l'assessore all'Ambiente, Energia e Reti, Marcello Raimondi e l'assessore all'Ambiente del Comune di Milano, Paolo Massari - che vuole spingere i cittadini a eliminare la vecchia auto e a scegliere servizi di mobilità alternativa". "Questo progetto - ha proseguito Formigoni - segna l'avvio di una fase nuova nella politiche anti-inquinamento e di snellimento del traffico. E' una iniziativa fortemente innovativa che si aggiunge alle politiche di incentivo già promosse dalla Regione per sostituire le vecchie auto con mezzi a basso impatto".Formigoni ha detto di credere molto nel progetto "Mobility card" che "porterà vantaggi a tutti": "la cifra di 3.000 euro che mettiamo a disposizione è adeguata per realizzare un trasporto sostenibile e rappresenta una vera alternativa al possesso dell'auto privata". "Oltre agli autobus e ai treni - ha ricordato Raimondi - si possono infatti utilizzare anche i taxi e le altre forme di mobilità come il car sharing e la bicicletta"."I 3,2 milioni messi a disposizione dalla Regione - ha chiarito Formigoni - sono solo uno stanziamento iniziale. Il bando verrà rifinanziato se sarà necessario per cui tutti quelli che faranno richiesta avranno a disposizione l'incentivo regionale".Avviato in via sperimentale per il Comune di Milano, il bando "Mobility card" potrà essere esteso ai Comuni lombardi che ne faranno richiesta "a condizione - ha spiegato Formigoni - che i Comuni stessi partecipino con proprie risorse".Oltre al contributo di 3.000 euro, Formigoni ha sottolineato anche i risparmi e i vantaggi che comporta il non possedere un'auto privata: non ci sono spese per bollo, assicurazione e benzina, non c'è il problema del parcheggio, ecc.Piena condivisione e supporto all'iniziativa - definita "molto importante" - sono stati espressi dall'assessore Massari a nome del Comune di Milano.
LA MOBILITY CARD - L'incentivo - che potrà essere richiesto appunto a partire da lunedì - è erogato attraverso l'assegnazione di una carta di credito / postamat di Poste Italiane precaricata con 3.000 euro utilizzabile per acquistare servizi di mobilità dai gestori di trasporto convenzionati.Hanno aderito per ora all'iniziativa ATM, sia con i servizi di trasporto pubblico locale che con il servizio di car sharing Guidami, Trenitalia-LeNORD, oltre che le associazioni di tassisti milanesi.Ogni beneficiario riceve inoltre un voucher del valore di 200 euro per l'acquisto di una bicicletta (anche a pedalata assistita) presso gli esercizi commerciali che aderiscono all'iniziativa.
I REQUISITI - Possono accedere al bando i cittadini che si trovano in una delle situazioni seguenti:- nucleo familiare con almeno una persona di età uguale o superiore a 60 anni compiuti entro il 31/12/2010;- nucleo familiare composto da una sola donna o da una sola donna con figli a carico;- nucleo familiare con almeno uno studente universitario non fuori corso iscritto entro il 31/12/2010 di età non superiore a 25 anni.Oltre alla residenza a Milano, sono requisiti essenziali per ottenere l'incentivo anche la proprietà di un autoveicolo ad elevata emissione di inquinanti (Euro 0 benzina o diesel, Euro 1 diesel o Euro 2 diesel) da destinare alla rottamazione e un reddito familiare complessivo al di sotto di una certa soglia.Ad esempio per una persona singola il limite di reddito è 20.000 euro (30.000 per un disabile) che diventano 49.200 per una famiglia di quattro persone (59.200 se c'è un disabile).
INFORMAZIONI E TEMPISTICA - "Per agevolare i cittadini nell'accedere al bando - ha spiegato l'assessore Raimondi - è stato predisposto un portale dedicato che è possibile consultare all'indirizzo http://www.mobilitycard.it/ e un call center (800 77 44 55)". "Dal 31 maggio 2010 - ha proseguito Raimondi - i cittadini che hanno i requisiti possono prenotare on-line la "Mobility card". Dopo la prenotazione, ci sono 30 giorni di tempo per rottamare l'auto e perfezionare la domanda di contributo presentando le autocertificazioni e la documentazione necessaria presso uno dei 7 sportelli messi a disposizione da Ferrovienord e da ATM". Una volta assegnato il contributo (comunicato da Ferrovienord, previa autorizzazione della Regione Lombardia, nelle 2 settimane successive), il beneficiario riceve al proprio domicilio entro 30 giorni la "Mobility card" e il codice PIN per il suo utilizzo e può ritirare il Voucher per l'acquisto della bicicletta direttamente presso lo sportello di Ferrovienord.Una volta ricevuta la Mobility card e il codice PIN per il suo utilizzo, il cittadino potrà utilizzarla per i servizi di mobilità fra quelli elencati sul sito http://www.mobilitycard.it/ alla sezione "Muoviti con la card", che hanno preventivamente aderito al bando mediante un'apposita convenzione.
(Lombardia Notizie28 maggio 2010
(Ln - Milano/ Lombardia Notizie-28 maggio 2010

giovedì 27 maggio 2010

Scuola primaria: Milano, classi tempo pieno autorizzate 92%

L' Ufficio Scolastico provinciale di Milano (nuova denominazione Unita Territoriale) ha firmato due decreti di determinazione dell'organico funzionale per l’anno scolastico 2010/11

Scuola Primaria.
Organico funzionale di Circolo/Istituto anno scolastico 2010/2011
o Posti comuni 14.535
o Posti di sostegno 1.110
o Alunni 160.775
o Alunni sostegno 4.170
o Classi 7.763:tempo pieno 7.059; tempo normale 704

Leggi Prot. MIURAOOUSPMI R.U.n.11786 del 26.maggio 2010 Scuola Primaria

Scuola Infanzia
Organico funzionale di Circolo/Istituto anno scolastico 2010/2011


o Posti comuni 3.738
o Posti di sostegno 247
o Seziomi orario normale 1.862
o Alunni 47.261 (alunni sostegno 507)
o Sezioni orario normale 14
o Alunni 287

Leggi Decreto Prot. MIURAOOUSPMI R.U. n.11791 del 26 maggio 2010 Scuola Infanzia

giovedì 20 maggio 2010

Convegno e premiazione concorso I giovani e il futuro dell’Europa

[maggio 27, 2010; 2:00 pm a 6:15 pm. ]
Il convegno, in programma a Milano il 27 maggio all’Auditorium de “Il Sole-24 ore”, è occasione di confronto sul tema dell’integrazione europea. A fine giornata, premiazione delle due classi e dei cinque studenti vincitori del concorso I giovani e il futuro dell’Europa.


IUniScuola. Ecco la comunicazione:
Direzione GeneraleUfficio IX – ComunicazioneVia Ripamonti, 85 – 20141 Milano – Tel. 02 574 627 235 – Fax 02 574 627 1E-mail: comunicazione@istruzione.lombardia.itPosta Elettronica Certificata: mailto:Certificata:
Prot. n. MIUR AOODRLO R.U. 7907Milano, 20 maggio 2010
Ai dirigenti delle scuole secondarie superiori di II grado
Ai docenti delle scuole secondarie di II grado referenti sui temi europei della Lombardia
Oggetto: Convegno e premiazione per il concorso I giovani e il futuro dell’Europa
27 maggio 2010
presso sede Sole 24 Ore-via Monte Rosa 91 Milano ore 14,00
A seguito del concorso “I giovani e il futuro dell’Europa”, indetto dalla Direzione scolastica regionale per la Lombardia il 25 gennaio scorso, è stato previsto un convegno presso la sede del Sole 24 ore di Milano che vede coinvolti esperti a vario titolo delle problematiche europee.
In questa circostanza verranno premiati le migliori classi e i migliori studenti che hanno preso parte al concorso.
L’occasione è particolarmente interessante per tutte le scuole, perché il convegno, oltre ad essere un’opportunità per ampliare e approfondire i temi europei, offre la possibilità di entrare in contatto e sviluppare rapporti con il “Sole 24 ore on-line“,
Invitiamo le scuole, che sono interessate a queste tematiche, a partecipare numerose (personale scolastico, studenti, genitori, classi), e a prendere visione del programma allegato.
Invitiamo inoltre a comunicare la propria presenza via mail all’indirizzo isa.santoro@istruzione.it (tel 02 574 627 235) compilando i moduli riportati in allegato.
Tali moduli sono da intendersi per classi e per singoli partecipanti.
Ringraziamo per la consueta collaborazione.
Il dirigenteSilvana Massobrio

domenica 16 maggio 2010

Variazione denominazione USP (Ufficio Scolastico Provinciale di Milano)

In data 16 aprile 2010 è stato pubblicato sul supplemento della Gazzetta Ufficiale il D.M. 29.12.2009, registrato dalla Corte dei Conti in data 9 febbraio 2010, concernente la riorganizzazione degli uffici di livello dirigenziale non generale dell Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia.

Ai sensi del D.M. citato, la denominazione dell'Ufficio Scolastico Provinciale di Milano viene così modificata:

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca
Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia
UFFICIO XVII - Ambito territoriale per la provincia di Milano

IUniScuoLa :Ecco la nuova denominazione degli ex USP della Lombardia:
UFFICIO X (Ambito territoriale per la provincia di Bergamo)
UFFICIO XI (Ambito territoriale per la provincia di Brescia)
UFFICIO XII (Ambito territoriale per la provincia di Como)
UFFICIO XIII (Ambito territoriale per la provincia di Cremona)
UFFICIO XIV (Ambito territoriale per la provincia di Lecco)
UFFICIO XV (Ambito territoriale per la provincia di Lodi)
UFFICIO XVI (Ambito territoriale per la provincia di Mantova)
UFFICIO XVII (Ambito territoriale per la provincia di Milano)
UFFICIO XVIII (Ambito territoriale per la provincia di Monza Brianza)
UFFICIO XIX (Ambito territoriale per la provincia di Pavia)
UFFICIO XX (Ambito territoriale per la provincia di Sondrio)
UFFICIO XXI (Ambito territoriale per la provincia di Varese).
Leggi ex USP della Lombardia-Dirigente Tel. Segr. Fax E mail

venerdì 7 maggio 2010

Seminario sul programma di Educazione Alimentare del Ministero della Pubblica Istruzione

Verso Expo Milano 2015
Un’azione del Governo Italiano per introdurre l’educazione alimentare coinvolgendo progressivamente le Scuole di ogni ordine e grado.

Nel prossimo anno in Lombardia saranno più di 2.000 le scuole interessate dal Programma; 23.000 le classi dalla prima alla quinta; più di 450.000 gli alunni coinvolti nelle primarie statali e paritarie.
Per presentare alle scuole, agli enti locali, al mondo produttivo e ai media, le opportunità e le risorse del Programma “Scuola e Cibo”, l’Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia, in collaborazione con la Regione Lombardia – Assessorato Agricoltura, Expo Milano 2015, ANCI Lombardia, l’Unione delle Province Lombarde e il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia “Leonardo da Vinci”, ha organizzato un seminario che si svolgerà a Milano, presso il Museo il prossimo 12 maggio 2010, a partire dalle ore 9.30. I lavori sono aperti alla partecipazione del pubblico e della stampa nella prima parte della mattinata.Un tema, quello dell’alimentazione, che dimostra come nella nostra regione sia attiva e strutturata una proficua collaborazione interistituzionale e una comune volontà di intenti, che sta divenendo sempre più rilevante nella prospettiva di EXPO 2015 – Feeding the planet, energy for life - dedicata proprio all’alimentazione.Momento significativo di tale volontà comune sarà la firma di un protocollo d’intesa tra Regione Lombardia, Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia, ANCI, UPL, in accordo con Società EXPO 2015, che si propone di coordinare le diverse azioni in un quadro progettuale condiviso sulla base della filosofia e dei valori di EXPO 2015 e delle indicazioni del Comitato MIUR Scuola e Cibo. A partire dal prossimo anno scolastico, con un respiro quinquennale, sarà realizzato uno specifico progetto di educazione alimentare per accompagnare gli studenti lombardi ad una partecipazione matura e consapevole all’evento EXPO 2015.Ciò consentirà di mettere a sistema quanto partner prestigiosi –pubblici e privati- che da tempo operano nel settore (ad esempio aziende del settore agro-alimentare, enti locali, società di ristorazione scolastica) propongono alle scuole per stimolarle ad un approfondimento di temi di forte rilevanza personale, collettiva e sociale. La stessa sede del Museo, che sta sviluppando una serie di iniziative sul tema dell’alimentazione, tra cui il laboratorio interattivo Alimentazione, sottolinea la scelta di privilegiare l’esperienza diretta, attiva e stimolante, quale presupposto indispensabile per incidere positivamente su comportamenti e abitudini dei nostri ragazzi e per costruire i presupposti e i valori condivisi della futura generazione EXPO 2015.Danno il loro contributo alla giornata i Rappresentanti delle istituzioni locali, del sistema scolastico, del mondo accademico, i Membri del Comitato Scuola e Cibo, i partner e gli esperti del settore, come da programma allegato
Il programma dei lavori
fonte Anci Lombardia

lunedì 3 maggio 2010

Formigoni alla Giornata della Memoria dei giornalisti uccisi

Il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, è intervenuto oggi alla celebrazione della terza Giornata della Memoria dei giornalisti uccisi da mafie e terrorismo, voluta dall'Unione Nazionale Cronisti Italiani.Dopo aver rivolto un saluto a Benedetta, figlia di Walter Tobagi, giornalista del Corriere della Sera e Presidente dell'Associazione Lombarda dei Giornalisti, di cui 1l 28 maggio ricorrerà il trentesimo anniversario dell' assassinio ad opera dei terroristi, il presidente Formigoni ha ricordato le figure dei giornalisti che hanno perso la vita per aver voluto informare la gente, raccontare la realtà, "spalancato le quinte del silenzio"."La libertà degli uomini si fonda innanzitutto sulla conoscenza e sull'informazione. Senza informazione, quindi, non c'è scelta. Non c'è vera libertà", ha sottolineato il presidente Formigoni. "La Storia - ha continuato il presidente - ci ha insegnato che l'ignoranza è il mezzo più efficace per soggiogare gli uomini e per ridurli all'impotenza. Per questo l'informazione è così importante in una società che aspiri ad essere moderna, democratica, pluralista. Al giornalismo spetta così il grande compito di garantire che la gente sappia cosa accade nel mondo, che abbia gli elementi per giudicare, che possa pensare con la propria testa". Organizzata per la prima volta a Milano nell'Auditorium Gaber, presso il Palazzo della Regione Lombardia, la Giornata della Memoria si è svolta in concomitanza con la Giornata della Libertà dell'informazione decretata dall'Assemblea Generale dell'Onu nel 1993 e organizzata dall'Unesco.Oltre al ricordo della figura di Tobagi, durante i lavori sono stati commemorati anche Enzo Baldoni, assassinato sei anni fa in Afghanistan e i cui resti sono rientrati in Italia solo pochi giorni fa.E un omaggio è stato tributato a Guido Passalacqua, ferito dai terroristi il 7 maggio del 1980. Erano presenti i presidenti dell'Unione Nazionale Cronisti, Guido Columba, della Federazione Nazionale della Stampa Italiana, Roberto Natale, dell'Ordine dei Giornalisti della Lombardia, Letizia Gonzales, e dell'Associazione Lombarda dei giornalisti, Giovanni Negri.Particolarmente toccanti le testimonianze portate da Rosaria Capacchione, del quotidiano Il Mattino e Lirio Abbate, del settimanale l'Espresso, giornalisti che lavorano in zone ad alta densità mafiosa e sono quotidianamente sotto la minaccia della criminalità organizzata.
(Lombardia Notizie Ln - Milano, 3 maggio 2010)